Text/HTML

Palazzo Comunale - Secolo XII


 

Sorge nella piazza centrale del paese. La facciata neoclassica è di linee sobrie ed armoniose, con porticato, terrazza e torre campanaria, elementi architettonici che contribuiscono a formare un insieme elegante e monumentale.

L’edificio è antico ma la facciata è stata rinnovata nel 1802; le logge furono lastricate nel 1900. Al centro della facciata, un’artistica lapide ricorda i Caduti della prima guerra mondiale. La monumentale lapide è sormontata da un’aquila in bronzo, che sorregge con gli artigli la palma, simbolo di pace e di martirio. Ai lati dell’aquila, sopra un tripode, arde la fiaccola della libertà e della luce. Un bronzeo festone di alloro e di quercia, simbolo di gloria, lega le due lapidi laterali dove sono scolpiti i nomi dei Caduti.
Nel 1947 vennero eseguiti lavori di restauro e di rafforzamento all’edificio, riducendo però il cornicione che, nella primitiva grandezza, era elemento decorativo di primo ordine. La gradinata è del 1959. La piazza del Comune, che in genere è chiamata “la Piazza“, ha avuto vari nomi, in ordine di successione: “Piazza Napoleone”, “Piazza del Municipio”, “Piazza Umberto I°” e “Piazza Martiri” (l’attuale).